chi sono

Piemontese di origine ma trapiantata a Milano da ormai più di 10 anni.
Dopo un percorso di studi dedicato all’economia e all’arte contemporanea, scelgo di convertirmi al mondo della ristorazione perché servire cheeseburger mi dava più soddisfazione che vendere opere d'arte contemporanea.


Ho vissuto un anno a Parigi, un anno negli USA, quattro mesi in Australia, ma amo troppo l’Italia (e le sue contraddizioni) per non decidere di vivere qui e investire tempo ed energie nella promozione del nostro comparto food and beverage.


Il cibo è la mia grande passione, in tutte le sue forme. Non solo da un punto di vista tecnico e di materia prima, ma anche per quel che riguarda il coté imprenditoriale.
Negli ultimi dieci anni ho investito sulla mia professionalità per imparare a comunicare il cibo nei modi più innovativi e diversi possibili, senza fermarmi alla carta stampata ma sposando i social web e il mondo digital.

Credo fortemente che con il cibo si possa fare cultura e che quello che ci arriva nel piatto (e nel bicchiere!) meriti maggiore consapevolezza e attenzione da parte di tutti.